Loading
FOTO24 VIDEO24 2

Napoli, 37enne non vaccinata muore di Covid | La madre: "Sono pentita"

L'Asl aveva più volte invitato invano tutta la famiglia a vaccinarsi. "Non siamo contrari ma avevamo paura"

È morta di Covid-19 una donna non vaccinata di 37 anni. Si chiamava Giusy Barbato ed era di Villaricca, in provincia di Napoli. "Non siamo contrari ma avevamo paura" ha detto sua madre, che poi si è detta pentita.
 

Come reso noto dalla Asl Napoli 2 Nord "tutti i componenti della famiglia erano stati più volte invitati a vaccinarsi senza esito". Quattro di loro, tra cui Giusy, sono risultati positivi poco prima delle festività natalizie". La 37enne si è aggravata progressivamente, tanto da necessitare del ricovero in ospedale. Prima al Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli, poi, quando la situazione è peggiorata, al San Giovanni di Dio di Frattamaggiore, dove è avvenuto il decesso. L'Asl nella nota ha aggiunto che "attualmente la migliore terapia contro il Covid è la vaccinazione".

La madre di Giusy ha spiegato di non essere "No vax" e di non essersi ancora vaccinata per via di "diverse patologie e molte allergie". "Aspettavo di fare tutti gli esami - ha detto -. Anche i miei figli lo faranno dopo aver aspettato il tempo previsto. L'altra mia figlia si è sottoposta a tutte le dosi. Troppe persone stanno morendo con il Covid e tutti giovani. Sono sempre più sconvolta".

Covid, in coda per ore in attesa del tampone: la scena che si ripete ogni giorno a Milano

1 di 35
2 di 35
3 di 35
4 di 35
5 di 35
6 di 35
7 di 35
8 di 35
9 di 35
10 di 35
11 di 35
12 di 35
13 di 35
14 di 35
15 di 35
16 di 35
17 di 35
18 di 35
19 di 35
20 di 35
21 di 35
22 di 35
23 di 35
24 di 35
25 di 35
26 di 35
27 di 35
28 di 35
29 di 35
30 di 35
31 di 35
32 di 35
33 di 35
34 di 35
35 di 35
Come ogni giorno, da un paio di settimane a questa parte, i centri tampone dell'Asst Santi Paolo e Carlo di Milano - come quelli di tutto il capoluogo lombardo - sono presi d'assalto da migliaia di persone alla ricerca di un test molecolare. Lunghissime le code fin dal primo mattino, sia fuori dalle strutture appositamente allestite negli ospedali di San Carlo e San Paolo sia nel drive trough di Trenno, provocate soprattutto dai tanti - solitamente quelli più insofferenti fanno sapere dalla Asst - che sperano di effettuare un tampone pur senza avere una regolare prenotazione.

Espandi