Loading
FOTO24 VIDEO24 2

Green pass, Svizzera favorevole: al referendum vince il "Sì"

 E' il primo Paese al mondo che è stato chiamato a votare sulla certificazione verde

ansa

Contestato nelle piazze, il Green pass ha ampiamente superato lo scoglio delle urne in Svizzera, dove, primi al mondo, gli elettori erano chiamati a votare al referendum sulle modifiche legislative che hanno introdotto il pass sanitario: il 62% degli elvetici ha votato a favore. In un clima polarizzato, la vittoria dei è importante per il governo e una conferma della strategia adottata.

Oggi alcuni oppositori sono nuovamente scesi in piazza a Losanna e Berna: alla periferia della piazza federale, chiusa dalla polizia, hanno gridato "Libertà, libertà, libertà" e suonato le campane.

Il referendum, lanciato da tre comitati anti-pass, prendeva di mira la modifica della legge con la quale il Parlamento ha introdotto a marzo la base legale per il certificato Covid. In Svizzera, tale documento attesta una guarigione, una vaccinazione completa o un test negativo, e dal 13 settembre è obbligatorio all'interno di ristoranti, strutture culturali e sportive e altre manifestazioni al chiuso.

Ad alcune condizioni, i datori di lavoro possono introdurre il suo impiego tra le misure di protezione. La modifica riguarda anche il sistema di tracciamento dei contatti e l'estensione degli aiuti finanziari per i settori, le imprese e gli individui colpiti dall'impatto della pandemia. Mentre anche nel Paese crescono i timori per la variante Omicron, la vittoria nelle urne è un sollievo per le autorità. Nelle ultime settimane anche in Svizzera c'è stato un netto aumento dei contagi e la quota delle persone totalmente vaccinate non supera il 65%. Sempre oggi gli Svizzeri hanno approvato con il 61% di voti a favore l'iniziativa popolare per migliorare le condizioni di infermiere e infermieri. Un risultato favorito anche dalla pandemia che vede il personale sanitario in prima linea.

Covid, scatta l'obbligo di mascherine in centro a Milano: multe fino a 3mila euro

1 di 37
2 di 37
3 di 37
4 di 37
5 di 37
6 di 37
7 di 37
8 di 37
9 di 37
10 di 37
11 di 37
12 di 37
13 di 37
14 di 37
15 di 37
16 di 37
17 di 37
18 di 37
19 di 37
20 di 37
21 di 37
22 di 37
23 di 37
24 di 37
25 di 37
26 di 37
27 di 37
28 di 37
29 di 37
30 di 37
31 di 37
32 di 37
33 di 37
34 di 37
35 di 37
36 di 37
37 di 37
Nel centro di Milano scatta l'obbligo di indossare le mascherine all'aperto. L'ordinanza del sindaco, Giuseppe Sala, è valida da sabato 27 novembre a venerdì 31 dicembre. Per chi non rispetterà l'obbligo scatterà una sanzione amministrativa pecuniaria da 400 euro a 3mila euro. Le vie comprese nel provvedimento sono le centralissime piazza Castello, largo Cairoli, via Dante, piazza Cordusio, via Orefici, via e piazza Mercanti, piazza del Duomo, Galleria e corso Vittorio Emanuele II e piazza San Babila. Ordinanze simili sono state firmate anche in altre città italiane, tra cui Brescia, Bergamo, Aosta, Bologna e Firenze.

Espandi