Loading
FOTO24 VIDEO24 2

Padova, positiva al Covid continuava a visitare i suoi pazienti: una dentista rischia l'accusa di epidemia colposa

I carabinieri hanno posto i sigilli allo studio in un piccolo centro della provincia veneta. A segnalare la vicenda un paziente della dottoressa

ansa

Era positiva al Covid ma continuava a curare i pazienti nel suo studio dentistico a Maestrino (Padova). Ora la dentista rischia l'accusa di epidemia colposa dopo che i carabinieri hanno messo i sigilli al suo ambulatorio, sospendendo l'attività fino a data da destinarsi. A valutare se sia il caso di procedere contro la donna sarà ora l'Autorità giudiziaria.

La vicenda, scrive il "Messaggero", è stata diffusa dopo la segnalazione di un paziente che, venuto a sapere della positività della dottoressa, ha presentato denuncia ai carabinieri. Sono scattati subito i controlli nello studio medico ed è emerso che la dentista era effettivamente positiva al virus.

Ora, dopo i sigilli, il medico rischia l'accusa per il reato di epidemia colposa per aver esposto i suoi pazienti al rischio di contagio. Rischia inoltre provvedimenti disciplinari e unamulta da 500 a 5mila euro. 

Espandi