Loading
FOTO24 VIDEO24 2

Gli Usa pronti a riconquistare lo spazio dopo 9 anni: è il giorno del lancio di Crew Dragon

Partenza fissata per mercoledì 27 maggio 2020, alle 16.33 ora locale (le 22.33 in Italia). Al dare il via all'era dei voli spaziali commerciali gli astronauti Bob Behnken e Doug Hurley

Gli Usa tornano nello spazio con Crew Dragon

1 di 10
2 di 10
3 di 10
4 di 10
5 di 10
6 di 10
7 di 10
8 di 10
9 di 10
10 di 10

Dopo 9 anni dal lancio dell'ultima missione Shuttle, gli Stati Uniti d'America si apprestano a riconquistare lo spazio lanciando, mercoledì 27 maggio 2020, alle 16.33 ora locale (le 22.33 in Italia), di nuovo dal suolo americano una navetta Made in Usa, la Crew Dragon della SpaceX di Elon Musk con un equipaggio umano, anch'esso tutto americano. 

E' quindi arrivato il giorno destinato a segnare la fine del monopolio russo nel trasporto di astronauti verso la Stazione spaziale. Il giorno che inaugura l'era dei voli privati con equipaggio per spingere la crescita di un'economia nell'orbita bassa terrestre. Al dare il via all'era dei voli spaziali commerciali, frutto della collaborazione tra la Nasa e aziende private, con la missione Demo-2, gli astronauti veterani della Nasa e piloti militari sperimentatori Bob Behnken e Doug Hurley.

Si concretizza così la campagna .LaunchAmerica promossa dalla Nasa e fortemente sostenuta dal presidente statunitense Donald Trump, che è atteso insieme al suo vice Mike Pence al Kennedy Space Center della Nasa in Florida per assistere all'evento preannunciato come epocale. "Questo è un momento unico in cui tutti gli americani possono fermarsi un attimo e guardare il Paese che realizza nuovamente qualcosa di sbalorditivo", ha detto l'amministratore capo della Nasa, Jim Bridenstine, nell'ultima conferenza stampa a poche ore dal lancio. "Questa sala ora è quasi vuota", ha detto riferendosi alle misure anti-Covid, "ma per questa occasione avremmo voluto vederla piena di giornalisti e appassionati dello spazio". 

Le tappe - Dopo aver passato l'ultimo esame finale, la missione di Nasa e Space X denominata Demo-2 ha ricevuto il segnale 'go' che dà il via libera definitivo al lancio. L'unica incognita resta quella del meteo: le previsioni stimano una probabilità del 60% di condizioni favorevoli. Se nubi e precipitazioni dovessero sconvolgere i piani a pochi minuti dall'ora X, il lancio potrebbe essere rimandato a sabato o domenica. 

La navetta Crew Dragon partirà con il razzo americano Falcon 9 dallo storico complesso di lancio 39A, costruito per le missioni Apollo e usato anche per gli Space Shuttle. 

I protagonisti assoluti saranno i due astronauti americani Douglas Hurley e Robert Behnken, che non a caso indosseranno delle tute spaziali disegnate dal costumista dei supereroi hollywoodiani Jose Fernandez. La loro missione comincerà con 19 ore di volo verso la Iss: una volta giunti a bordo, si uniranno ai tre colleghi della Expedition 63 (l'americano Chris Cassidy e i russi Anatoli Ivanishin e Ivan Vagner) per un tempo variabile che potrà andare da uno a quattro mesi.

Il rientro, che si concluderà con un tuffo nell'oceano Atlantico, verrà programmato in base alle condizioni della navetta, al meteo e all'avanzamento dei preparativi per la successiva missione, Crew-1, la prima operativa. "Ricordiamoci che Demo-2 è un test di volo", ha sottolineato Bridenstine. "La priorità è sperimentare il veicolo e riportarlo a casa in sicurezza per essere poi pronti al lancio di Crew-1".

Una curiosità: 24 minuti dopo il lancio la navetta passerà sopra l'Europa e per circa un minuto sarà visibile anche dall'Italia. 

Espandi