FOTO24VIDEO242

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più leggi la Cookies Policy, per negare il consenso a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI. Cliccando su AUTORIZZO, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

Gina Lollobrigida, assolto Javier Rigau: "Il matrimonio è valido"

Per il tribunale di Roma l'attrice 88enne sposò davvero per procura lo spagnolo

Non c'è pace per Gina Lollobrigida, che a 88 anni deve difendersi in tribunale dai figli e dall'ex. A sopresa è arrivata infatti la sentenza secondo cui l'attrice non sarebbe stata raggirata dallo spagnolo Francisco Javier Rigau quando le fece firmare un atto con il quale si chiedeva ad un notaio di ratificare la loro unione. L'uomo è stato assolto perché il "fatto non sussiste" e le nozze del 2010 in Spagna - per procura e in chiesa - sarebbero valide.

L'ottava sezione del tribunale di Roma, presieduta da Paola Roja, ha rigettato infatti l'accusa, che aveva sollecitato la condanna dell'imputato ad otto mesi di reclusione per truffa e falso. Il presunto raggiro avrebbe consentito a Rigau di realizzare un "ingiusto profitto consistito nell'acquisizione dello stato giuridico di coniuge e dei diritti alimentari e successori, in danno della Lollobrigida". In sostanza di mettere le mani sul patrimonio della celebre "Bersagliera" della saga "Pane, amore e..".

Al centro del processo un documento dell'aprile 2012 che l'attrice sostiene di aver firmato in quanto certa trattarsi di una procura che affidava per una querela per diffamazione. In realtà si trattava di un atto con il quale la "Lollo" sottoscriveva la ratifica del matrimonio, in Italia, per gli effetti civili. Da qui la denuncia dell'attrice alla procura in cui affermava di essere stata indotta in errore in modo fraudolento. Accuse respinte da Rigau. Nel rivendicare il matrimonio religioso celebrato per procura, lo spagnolo aveva preso le distanze: "Né io né Gina siamo stati mai reciprocamente interessati l'uno al patrimonio dell'altro. Il mio patrimonio supera il valore di 40 milioni di euro e non ho alcun interesse nel modestissimo patrimonio di Gina".

Nel corso del processo l'attrice ha ribadito di essere stata truffata e di essere totalmente "all'oscuro di avere contratto matrimonio per procura con Rigau. Nell'agosto del 2012, mi portò da un notaio dicendo che dovevo firmare un atto necessario a portare avanti una causa civile avviato contro un avvocato spagnolo che pensavo essere responsabile degli attacchi mediatici contro di me. In quella sede lui non parlò mai di matrimonio, altrimenti quell'atto glielo avrei strappato davanti".

"Le sentenze si rispettano - ha commentato Fabrizio Sigia, legale della Lollobrigida - ma è evidente che la impugneremo".

Espandi