FOTO24VIDEO242

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più leggi la Cookies Policy, per negare il consenso a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI. Cliccando su AUTORIZZO, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

Tesla, la macchina spaziale compie il primo giro intorno al Sole

La Roadster lanciata nel 2018 insieme al razzo Falcon Heavy viaggia a una velocità di 121mila chilometri orari

E' l'automobile più veloce dell'universo e ha compiuto il primo giro intorno al Sole. Si tratta della Tesla Roadster, la macchina lanciata nello spazio nel febbraio del 2018 da Elon Musk insieme a Falcon Heavy, il razzo riutilizzabile progettato per trasportare uomini nello spazio. Viaggiando a 121mila chilometri orari, la vettura in 550 giorni ha percorso un miliardo e 231 milioni di chilometri, pari a trentatrè volte la somma di ogni strada del nostro pianeta.

L'automobile è stata progettata per restare nello spazio milioni di anni. E' stata riempita con svariati oggetti della cultura pop, in vista di un eventuale incontro con un'altra specie intelligente. Il manichino vestito con una tuta spaziale alla guida della vettura ha sul cruscotto una copia cartacea della Guida galattica per autostoppisti di Douglas Adams, nel portabagagli una digitale della Trilogia della Fondazione di Asimov e un messaggio inciso tra i circuiti del veicolo: “Made on Earth by humans”, prodotta sulla Terra da esseri umani. Nello stereo ha suonato Space Oddity di David Bowie in loop fino a quando si è scaricata la batteria dell'auto.

Sul sito whereisroadster.com è possibile vedere la traiettoria compiuta dalla Tesla Roadster. Il possibile impatto con Marte è stato scongiurato. Ci sono il 6% delle possibilità che nei prossimi tre milioni di anni possa entrare in collisione con la Terra.

Delle condizioni della macchina non si può sapere nulla, dato che non è possibile avere un riscontro visivo. Musk su Twitter ha fatto capire che nei prossimi anni la sua compagnia potrebbe lanciare una missione per raggiungere e fotografare la Roadster al prossimo passaggio ravvicinato con il nostro pianeta, in modo da verificare le condizioni del veicolo e del suo pilota.

Espandi