FOTO24VIDEO242

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più leggi la Cookies Policy, per negare il consenso a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI. Cliccando su AUTORIZZO, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

Omicidio Vaprio, le indagini confermano: Sicignano sparò in casa

Dai rilevamenti appare che la versione data dal pensionato possa essere coerente con le prove ritrovate sulla scena del crimine

Dagli esiti parziali dei rilievi, sembrerebbe confermata la versione dei fatti esposta da Sicignano. L'uomo, ha spiegato agli inquirenti di aver sparato con la sua arma detenuta legalmente al 22enne albanese Gjergi Gjonj all'interno della propria abitazione. Secondo il racconto di Sicignano, lo sparo sarebbe partito per lo spavento: l'uomo avrebbe infatti scambiato la torcia elettrica nelle mani del giovane albanese per un'arma.

Dai primi accertamenti era emerso che il pensionato avrebbe esploso il colpo mentre il ladro si trovava ancora all'esterno dell'abitazione, sulle scale, dove è stato trovato il cadavere. Il proiettile sparato avrebbe sfiorato il cuore del 22enne, non uccidendolo sul colpo ma lasciandolo in vita per una manciata di secondi, il tempo necessario per raggiungere il luogo dove è stato trovato il cadavere.

Il pm di Milano Antonio Pastore attende gli esiti completi del Ris di Parma, in seguito ai quali gli inquirenti valuteranno la richiesta di archiviazione, riconoscendo l'omicidio come legittima difesa.

Espandi